Coppette mestruali, la Lucarelli a D’Uva: “Grazie, che idea evoluta!”

Cerchi un finanziamento? un'agevolazione? utilizza il nostro motore di ricerca:

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
 

Vuoi fare una ricerca più approfondita nella rete? inserisci nel tuo motore di ricerca:  "#adessonews + agevolazione"

esempio: #adessonews finanziamento impresa

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

Il pentastellato aveva invitato le donne ad usare la coppetta mestruale. La risposta della Lucarelli: “E poi la rovescio…”

Mia Immagine

“Usate le coppette o i pannolini lavabili“. Così il capogruppo del Movimento 5 Stelle alla Camera, Francesco D’Uva, invitava le donne ad eliminare gli assorbenti usa e getta, per motivi ambientali. Dopo poco arriva la risposta di Selvaggia Lucarelli, che su Facebook pubblica un post ironico dove spiega perché sia contraria alla proposta.

Caro D’Uva, la ringrazio per questa idea così moderna, evoluta, contemporanea“, inizia la Lucarelli, che precisa ironicamente: “Sto correndo a comprare una bella coppetta mestruale. Ma, per richiamare il clima antiquato cui sembra riportare il suggerimento di D’Uva, “non solo la userò, ma quando sarà piena fino all’orlo, stanotte, metterò una croce rovesciata sul terrazzo e mentre un amico leggerà i versetti dell’Apocalisse, costringerò una vergine incaprettata a bere il mio sangue”.

La giornalista passa poi a criticare l’idea del pannolino di stoffa: “È un’idea geniale! Mi stuzzica molto l’idea di uscire di casa con due pezze bagnate nelle mutande e di strizzarle nel lavandino appena trovo un bagno pubblico. Vuole mettere un fresco, asciutto, confortevole assorbente con le ali, con un bel panno fradicio, imbevuto di sangue tra le cosce?“.

Ma, continua la Lucarelli, non è bene fare discriminazioni tra uomo e donna. E lancia qualche idea da proporre agli uomini: “Per esempio, niente più lamette. Tornate a farvi la barba con le pietre acuminate. Sono certa, amico D’Uva, che sarà d’accordo“. Infine, la stoccata finale: “Le va bene che quest’uscita l’abbia avuta in un giorno in cui non avevo le mie cose. Se mi avesse beccata nel giorno sbagliato, sarei venuta a cercarla con una katana. Ma non tema, l’avrei riciclata nello spezzatino della domenica”.

In poco tempo, il post è diventato virale, raccogliendo migliaia di like e commenti.

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni