Europee 2019 – Caio Mussolini ad Avellino: “Il mio impegno? Portare più Italia in Europa”

Cerchi un finanziamento? un'agevolazione? utilizza il nostro motore di ricerca:

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
 

Vuoi fare una ricerca più approfondita nella rete? inserisci nel tuo motore di ricerca:  "#adessonews + agevolazione"

esempio: #adessonews finanziamento impresa

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

caio mussolini avellino europee 2019Avellino – Portare più Italia in Europa, garantendo la rinascita dell’intero Paese attraverso il rilancio del Meridione. È questo l’obiettivo che Caio Mussolini, candidato alle Europee 2019 per “Fratelli D’Italia” e ospite dell’incontro tenutosi oggi pomeriggio presso la Sala Rossa dell’Ex Carcere Borbonico, si prefigge per garantire un’Unione Europea migliore e più rispettosa delle caratteristiche e delle tipicità di ogni Stato membro.

“Credo fortemente che il Meridione possa essere portato in Europa per far valere le sue caratteristiche” afferma Mussolini. “Voglio impiegare la mia esperienza e le mie competenze per dare una voce al Sud. È sbagliato affermare che l’Europa ce l’ha con noi: in realtà, siamo noi italiani che non sappiamo farci sentire. La questione meridionale è anche nazionale e l’Italia intera riparte se è il Sud a ripartire”. Il tour di Caio Mussolini nel Meridione ha toccato anche Avellino e la sua provincia: “In questi giorni, ho girato molte città e regioni, sto cercando di capire quali sono le priorità da portare, soprattutto per quanto riguarda il lavoro, le infrastrutture e i giovani che lasciano il Sud. Quest’Europa non ci piace e vogliamo cambiarla”.

Mia Immagine

In realtà, secondo Mussolini, il problema non è il Vecchio Continente in sé, bensì: “È la strutturazione dell’UE, molto diversa da come era stata concepita inizialmente dai Paesi fondatori, tra cui vi era anche l’Italia. Un’UE molto lontana dalle esigenze dei cittadini, che non tutela più le culture e le tipicità dei Paesi membri, soprattutto quelle dell’Italia che, sotto quest’aspetto, è molto ricca. Vogliamo un’Europa dei popoli, non un’Europa controllata dalla finanza, dalla BCE e dai burocrati”.

Il candidato di “Fratelli D’Italia” si sofferma, poi, sulla sua adesione a quella che definisce la vera destra italiana: “Sono stato da sempre in contatto con FDI, fin dai tempi del Movimento Sociale Italiano e di Alleanza Nazionale. Ho condiviso il programma di Giorgia Meloni, un leader forte, preparato, competente e serio. Il programma presentato a Torino da FDI include quindici punti per tutelare la nostra nazione. Sono punti chiari e precisi che, speriamo, possano avere il supporto dei cittadini italiani”.

La candidatura di Caio Mussolini alle elezioni europee del 26 maggio trova un pieno appoggio nella figura di Antonio Marrone, membro della sezione provinciale di FDI: “Quello che chiedo agli italiani oggi è di risvegliare le coscienze. Ho visto che le campagne elettorali, sia a livello locale sia a livello nazionale, si concentrano molto sul materialismo e non vanno oltre il compito primario della politica, vale a dire l’arte di resuscitare i valori, di mandare una nazione avanti, di tutelare il diritto allo studio e della famiglia”. L’idea di Marrone è quella che il nostro Paese debba essere governato, nell’UE, da esso stesso: “FDI vuole mettere l’Italia agli italiani: il concetto di Italia dipendente dall’UE è sbagliatissimo e distrugge la sovranità nazionale”.

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni